Noleggio senza conducente

Noleggio senza conducente

Il noleggio senza conducente di veicoli è l’attività professionale esercitata da chi dà in locazione al cliente:

  • autovetture
  • autocaravan o roulotte
  • motoveicoli
  • biciclette
  • ciclomotori
  • veicoli a trazione animale
  • natanti.

Questa attività può avvenire a titolo gratuito o a pagamento e a seconda delle esigenze del cliente (ad esempio auto di cortesia).

Possono essere destinati a locazione senza conducente tutti i veicoli a motore e i loro rimorchi. Sono esclusi i veicoli destinati al trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico superiore a sei tonnellate e i veicoli, diversi dalle autovetture, destinati al trasporto di persone.

La circolare del Ministero dei Trasporti 16/03/2015, n. 5681 riassume e precisa le condizioni che rendono possibile la locazione di veicoli adibiti al trasporto merci .

Requisiti soggettivi

Per svolgere l'attività è necessario soddisfare i requisiti previsti dalla normativa antimafia e i requisiti morali.

Requisiti oggettivi

I locali dove si svolge l’attività devono avere una destinazione d’uso compatibile con quella prevista dal piano urbanistico comunale.

Devono essere rispettate le norme e le prescrizioni specifiche dell’attività, per esempio quelle in materia di urbanistica, igiene pubblica, igiene edilizia, tutela ambientale, tutela della salute nei luoghi di lavoro, sicurezza alimentare, regolamenti locali di polizia urbana annonaria.

È necessario che i veicoli abbiano destinazione d'uso di terzi “locazione senza conducente” (Decreto legislativo 30/04/1992, n. 285, art. 84, "Nuovo codice della strada" e Decreto del Presidente della Repubblica 19/12/2001, n. 481, art. 3).

Approfondimenti

Rimessa dei veicoli

La rimessa dei veicoli utilizzata per svolgere l'attività può essere pubblica o privata, a cielo aperto o al chiuso.

Noleggio senza conducente di natanti non di competenza del SUAP

Natanti da diporto o di moto d'acqua

Sono soggetti a comunicazione di inizio attività all'autorità marittima o della navigazione interna competente per territorio o, se diversa, a quella in cui abitualmente stazionano le unità da diporto, la locazione e il noleggio di natanti da diporto o di moto d'acqua di cui al Decreto ministeriale 01/09/2021, art. 2.

Natanti in appoggio alle immersioni subacquee

Sono soggetti a comunicazione di inizio attività all'autorità marittima o delle acque interne competente per territorio o, se diversa, a quella in cui abitualmente stazionano le unità da diporto, i centri di immersione, circoli associazioni e ONLUS che intendono utilizzare natanti in appoggio alle immersioni subacquee Decreto ministeriale 01/09/2021, art. 8.

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Lavoro Imprese
Io sono: Imprenditore
Ultimo aggiornamento: 02/02/2022 12:24.41